Incendi forestali massivi: è un’abitudine o una anomalia?

Autrice: Irene Huerta Ramírez

Traduttore: Alessandra Monopoli Irene Huerta Ramírez

La temperatura mondiale si è innalzata di 1,1°C nell’ultimo secolo e i report suggeriscono che potrebbe arrivare a 2,7°C alla fine di questo secolo. Gli esseri umani stanno aumentando i livelli di CO2 nell’atmosfera del 50% da prima della rivoluzione industriale. Di conseguenza, la siccità, il calore e la bassa umidità sono ogni volta più gravi nel momento in cui il clima aumenta. La vegetazione tende a seccarsi e i paesaggi diventano sempre più infiammabili, aumentando il rischio di pericolosi incendi forestali. È questa la nostra nuova realtà?

Come chiaro esempio, si può vedere l’intensità dell’onda di calore che aumentò gli incendi inusuali ed estremi in tutto il continente europeo nell’estate del 2022. La triste verità è che ciò è solo un anticipo di quello che assisteremo nei prossimi anni. Ciò che adesso si considera atipico presto sarà l’abitudine.

Tendenze che fanno suonare l’allarme

Se si comparano gli studi precedenti degli anni precedenti su come e perché la stagione degli incendi varia specialmente e temporalmente nell’Europa mediterranea, l’attuale campagna di incendi si è estremamente anomala a causa di tre ragioni che si elencano di seguito:

  • Incendi fuori stagione. In zone come Portogallo o il sud della Francia raramente scoppiano grandi incendi nei primi quindici giorni di luglio. Lo stress idrico estivo raggiunge il suo punto massimo a fine agosto, per questo gli incendi di inizio estate non sono mai stati abituali ne estremi in queste zone.

L’Europa sta diventando arida a causa del cambiamento climatico e l’abbandono rurale, che omogeneizza il paesaggio e lo rende uniformemente secco, provocando la fluttuazione della stagione degli incendi. E le notizie allarmanti, lontano dal fermarsi, continuano ad aumentare. 2

Secondo i report attuali del servizio di vigilanza dell’Unione Europea del 16 luglio, di quest’anno, la superfice bruciata equivale a quella della Trinità e Tobago, nei Caraibi. E se si conferma questa pericolosa tendenza, l’anno 2022 potrebbe raggiungere o superare la superficie bruciata nel 2017; il peggior anno al quale si fa riferimento, quando i grandi incendi bruciarono più di 9.980.897 ettari nei paesi dell’UE, secondo i dati forniti dal EFFIS (Sistema Europeo di Informazione sugli Incendi Forestali).

Senza dubbio, come si mostra nei grafici seguenti, questa tendenza colpisce non solo i paesi europei, ma tutte le regioni soffriranno le conseguenze del cambiamento climatico, e la questione è che non solo gli incendi avverranno fuori stagione, ma che queste stagioni dureranno per più tempo ogni anno.

Interfaz de usuario gráfica, Gráfico, AplicaciónDescripción generada automáticamente

Image 1: Length of the Fire Weather Season. Source: The Conversation, 2022.

Gli incendi si espandono in latitudine e altitudine. Ogni volta sono più frequenti gli incendi nelle zone dell’Europa dove prima non erano abituali, come la Scandinavia e il Regno Unito. Le zone di montagna come i Pirenei e le Alpi, sono diventati sempre più infiammabili. 2 2

  • Aumento dell’intensità degli incendi. Gli incendi attuali non si possono estinguere. Muoiono per carestia (dopo aver bruciato tuto quello che c’era da bruciare) o per la pioggia. Questi incendi emettono la stessa quantità di energia di una, o più, bombe atomiche e la tecnologia di estinzione attuale inizia ad essere obsoleta per contenerli. L’epoca nella quale gli incendi si spegnevano con l’acqua è terminata. 2 2

E sebbene la tecnologia deve migliorare a causa della virulenza degli incendi, questi meccanismi di estinzione continuano ad essere più avanzati di anni fa, che consente di ridurre il numero di incendi di grandi dimensioni, ma la grandezza media dei grandi incendi (più di 500 ettari) continua a crescere a causa della sempre più frequente onda di calore e alla citata virulenza, che provoca un aumento degli incendi che sfuggono al contenimento. 22

Image 2: Large fires statistics. Source: TheEconomist, 2022.
  • Incendi di grande intensità che ardono simultaneamente. Non è la prima volta che avviene uno scenario di incendi di quinta generazione. In Spagna, per esempio, ci furono più di 150 grandi incendi tra il 1978 e il 1985. La stagione attuale distacca non per il numero di grandi incendi, ma per la prossimità di incendi molto intensi. 2 2

Il prezzo di ignorare il clima.

Stiamo sperimentando gli effetti del decennio di negligenza nella gestione della terra e di inazione climatica. Le onde di calore sono più frequenti ogni estate. Gli incendi sono, in media, più grandi e più feroci. Le morti per il caldo e il fumo degli incendi aumentano e la qualità dell’aria che si respira è ogni volta sempre più dannosa per la salute.

Tutto questo causa più problemi che la semplice perdita di alcuni ettari di terra e piante. È un problema di salute pubblica, che influenza nell’aumento delle morti per il caldo, la cattiva qualità dell’aria e l’inalazione del fumo degli incendi. 2 2

Stiamo vedendo il trailer di un film del futuro che lasceremo alle generazioni future, e se non si prendono provvedimenti seri, accadrà prima di quanto stimato.

Bibliografia:

S. Doerr. June 30, 2022. Climate change: wildfire risk has grown nearly everywhere – but we can still influence where and how fires strike. The Conversation. [online] Available at: <https://theconversation.com/climate-change-wildfire-risk-has-grown-nearly-everywhere-but-we-can-still-influence-where-and-how-fires-strike-185465> 1

V. Resco de Dios. July 17, 2022. Ola de incendios en Europa: la anomalía que será la norma. The Economist. [online] Available at: <https://www.eleconomista.com.mx/arteseideas/Ola-de-incendios-en-Europa-la-anomalia-que-sera-lanorma-20220717-0025.html-has-grown-nearly-everywhere-but-we-can-still-influence-where-and-how-fires-strike-185465> 2

AFP. July 21, 2022. La superficie quemada por los incendios forestales en Europa ya superó a la de 2021. The Economist. [online] Available at: <https://www.eleconomista.com.mx/internacionales/La-superficie-quemada-por-los-incendios-forestales-en-Europa-ya-supero-a-la-de-2021-20220721-0035.html> 3